Socialize

Haiti: Uruguay punisce caschi blu accusati di stupro

    di  .  Scritto  il  5 Settembre 2011  alle  16:18.

La destituzione del capo navale della Missione Onu ad Haiti (nota con l’acronimo Minustah) e il rimpatrio dei cinque soldati uruguaiani coinvolti: così il governo dell’Uruguay ha risposto all’inchiesta avviata nei giorni scorsi dalla magistratura haitiana sul presunto caso di stupro ai danni di un giovane uomo di 18anni nel quale sono coinvolti cinque caschi blu uruguaiani.

In una nota diffusa dal ministero della Difesa si precisa che oltre al destituzione del più alto ufficiale uruguaiano in comando della missione, é stato convocato ad Haiti un consiglio di disciplina militare incaricato di fare luce sulla vicenda,alla quale il governo ha dato massima importanza.
“La marina non permetterà che pochi membri infanghino il prestigio e le eccellenti relazioni del continente uruguagio con la popolazione locale” si legge nella nota del ministero.
Un’indagine Onu é in corso sull’episodio, dai primi elementi i soldati uruguaiani sembrerebbero responsabili di vessazioni e violenza nei confronti del giovane, ma non di stupro.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *