Socialize

Siria: Francia attacca Damasco, “colpevole crimini contro l’umanità”

    di  .  Scritto  il  7 Settembre 2011  alle  14:36.

Il governo siriano si è reso colpevole di crimini contro l’umanità reprimendo le manifestazioni dell’opposizione: lo ha detto, secondo le parole riportate dall’agenzia di stampa francese Afp, il ministro degli Esteri francese Alain Juppé al termine di un incontro con il suo omologo russo Sergueï Lavrov.

Juppe ha poi definito inaccettabili le modalità con cui Damasco ha represso le manifestazioni popolari.

Il ministro degli Esteri francese ha chiesto che la Russia accetti di sostenere una condanna del governo siriano in sede di Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, bloccata finora proprio da Mosca e Pechino.

Lavrov non ha di fatto accolto l’invito e ha ricordato come la priorità per la Russia al momento è quella di favorire un dialogo e dei negoziati, sottolineando come incitare certe forze dell’opposizione a boicottare questo dialogo apra una via pericolosa verso la ripetizione dello scenario libico, “cosa che né la Russia né la Francia vogliono” ha concluso il ministro russo.

Proprio Lavrov, solo due giorni fa, aveva detto che Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica (i paesi aderenti al Brics) non permetteranno che in Siria si segua lo stesso “copione” recitato in Libia.

Secondo Lavrov, la Nato é andata ben oltre il compito di far applicare la risoluzione dell’Onu sulla Libia.

In merito il russo aveva precisato che Russia e Cina, entrambi membri permanenti e con diritto di veto del Consiglio di Sicurezza, vigileranno molto da vicino sull’applicazione delle risoluzioni Onu relative alla Siria.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *