Socialize

Pakistan: piogge e alluvioni, 7 milioni di persone colpite

    di  .  Scritto  il  19 Settembre 2011  alle  3:01.

 

Si aggrava il bilancio dei danni provocati da un’eccezionale stagione di monsoni che in Pakistan, dove dall’inizio di agosto le piogge hanno provocato alluvioni a frane, hanno già fatto almeno 342 morti e 633 feriti.

Le cifre sono state dal ministro dell’Informazione Firdous Ashiq Awan, la quale ha precisato che le forti piogge colpiscono tutti i 23 distretti della provincia di Sindh e cinque distrutti di quella del Beluchistan, entrambi nel sud del Pakistan.

Secondo il ministro, ad oggi, oltre 7,1 milioni di persone sono colpite direttamente dal maltempo, circa 500.000 sono state sistemate nei quasi 3000 campi temporanei allestiti dal governo, ma altri due milioni di pachistani, secondo stime delle Nazioni Unite, risultano attualmente sfollati.

Ma oltre ad aver perso un tetto, milioni di pachistani sono da giorni senza acqua potabile e con ridottissime scorte di cibo, dal momento che piogge, frane e alluvioni hanno “distrutto – si apprende da un documento Onu – il 67% del cibo immagazzinato”, oltre ad aver danneggiato più di sei milioni di acri di terra, inclusi 2 milioni di acri di terreni coltivati, che ad oggi sono ancora sommersi.

Per rispondere alle ripetute richieste di aiuto avanzate nei giorni scorsi dal governo pachistano, e finora rimaste inascoltate dalla comunità internazionale, l’Onu ha lanciato un appello urgente chiedendo di raccogliere rapidamente oltre 350 milioni di dollari necessari per inviare aiuti d’emergenza (tende, cibo, acqua e medicinali) alle popolazioni del sud del Pakistan.

L’eccezionale stagione dei monsoni di quest’anno ha provocato danni e vittime anche in altri paesi della regione: India, Bangladesh e Nepal.

In totale, secondo una recente stima della Croce rossa internazionale, sono oltre 16 milioni le persone colpite nella regione.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *