Socialize

Per gli americani lo Stato palestinese è già un diritto

    di  .  Scritto  il  19 Settembre 2011  alle  12:54.

Secondo un sondaggio commissionato dalla Bbc a GlobeScan, in 19 paesi presi in esame il 49% della popolazione è favorevole al riconoscimento della Palestina da parte delle Nazioni Unite e solo il 21% contrario. Percentuali che variano molto da paese a paese ma che vedono sempre maggioritario il gruppo dei favorevoli, perfino negli Stati Uniti, il cui governo ha già annunciato l’intenzione di opporre il veto a questa eventualità.

Lo studio arriva nella settimana in cui la delegazione dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) si reca a New York per partecipare alla 66ª sessione dell’Assemblea generale dell’Onu. Dopo la firma di un accordo interpalestinese che, almeno sulla carta, ha messo fine ai contrasti tra Hamas e Fatah, il presidente dell’Anp, Mahmoud Abbas, è partito alla volta degli Stati Uniti dove dotrebbe ufficialmente chiedere il riconoscimento del nuovo Stato all’Assemblea generale. Tra le ipotesi c’è anche quella di mettere la richiesta ai voti del Consiglio di Sicurezza.

Un voto non decisivo, quello dell’Assemblea, ma altamente simbolico, rispetto al quale si stanno muovendo diversi attori sulla scena diplomatica, a partire dal primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan, reduce da un tour di capitali arabe (Cairo, Tunisi, Tripoli) nel quale ha più volte attaccato Israele e sostenuto la causa palestinese.

Secondo il sondaggio della Bbc, l’Egitto è il paese più favorevole a un riconoscimento dell’Onu (90% a favore, 9%), seguito a ruota da altri paesi musulmani (Turchia, Pakistan, Indonesia), dalla Cina (56% a favore, 9% contrari) e da diversi paesi dell’Unione Europea (Francia, Germania e Gran Bretagna). La sorpresa sono, appunto, gli Stati Uniti: 45% a favore, 36% contrari.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *