Socialize

Grecia: nuovi tagli e nuovi scioperi

    di  .  Scritto  il  22 Settembre 2011  alle  9:34.

Con lo sciopero dei trasporti pubblici per tutta la giornata di oggi sono iniziate le proteste organizzate da sindacati e società civile contro il nuovo pacchetto di misure economiche annunciate ieri sera dal governo greco per far fronte alla crisi finanziaria ed economica che colpisce il Paese.

Sempre nella giornata di oggi, i dipendenti pubblici incroceranno le braccia per quattro ore per partecipare a una grande manifestazione che si concluderà con un grande comizio nel centro di Atene.

Le manifestazioni di oggi sono solo le prime di un calendario fitto di proteste e scioperi annunciato ieri:  sciopero di tutto il settore pubblico il 5 ottobre e uno sciopero generale di 24 ore convocato dai sindacati greci per il prossimo 19 ottobre.

Le iniziative sindacali sono la risposta alle misure approvate ieri dal consiglio dei ministri, al termine di una riunione fiume di sei ore tenuta mentre fuori migliaia di manifestanti circondavano il Parlamento.

Tra le nuove decisioni dell’esecutivo una serie di tagli alle pensioni (20% per chi riceve una pensione oltre i 1200 euro e 40% per i pensionati con meno di 55 anni d’età ed un emolumento superiore ai 1000 euro), il prepensionamento di circa 30.000 dipendenti pubblici e la riduzione del tetto di esenzione totale delle tasse (passato dagli 8000 euro annui a 5000).

Le nuove misure fiscali saranno introdotte nei prossii quattro anni, a cominciare dal prossimo mese.

Con questi nuovi tagli il governo greco intende sbloccare gli otto miliardi di euro di finanziamenti promessi e necessari per evitare il fallimento del sistema economico nazionale.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *