Socialize

Cile: studenti tornano in strada

    di  .  Scritto  il  23 Settembre 2011  alle  0:11.

È iniziata da qualche ora la nuova grande protesta dei giovani studenti cileni.

Migliaia di ragazzi delle scuole superiori e dell’università si sono riversati in strada, affiancati anche dai genitori e da molti professori, per chiedere nuovamente maggiori investimenti nella scuola, un’istruzione gratuita e modifiche sostanziali al modello di sviluppo scelto dal governo per il settore educativo, che, secondo gli studenti, favorisce le classi più abbienti e trasforma la cultura in un prodotto commerciale.

A quattro mesi di distanza dall’avvio delle proteste, il movimento studentesco cileno sembra tutt’altro che stanco.

La manifestazione di Giovedì era sta annunciata nei giorni scorsi (vedi  articolo del 17 settembre, ndr) dopo la rottura del dialogo avviato col governo e per chiedere di riprogrammare il calendario delle lezioni per evitare che migliaia di studenti universitari e delle scuole superiori perdano l’anno scolastico, che nel paese viene annullato qualora non sia stato seguito almeno l’85% delle lezioni.

In realtà il dialogo tra le parti sembra essere a un punto morto e, in interviste alla stampa internazionale, giovedì la stessa leader della protesta giovanile, la studentessa Camila Vallejo, ha detto che “sarà necessario ripensare la nostra strategia di mobilitazione, dal momento che ci stiamo scontrando con un’intransigenza molto forte da parte del governo”.

Poco dopo l’inizio della manifestazione erano stati segnalati solo sporadici episodi di tensione, tra qualche gruppetto di giovani e poliziotti, conclusisi, secondo le cronache dei media locali, con il fermo di almeno due studenti.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *