Socialize

Russia: l’Artico meglio di Suez, Putin annuncia nuova rotta commerciale

    di  .  Scritto  il  23 Settembre 2011  alle  9:58.

La rotta artica, che collega l’Oriente e l’Europa attraverso la costa settentrionale della Russia, sarà la rotta commerciale del futuro e sarà presto in grado di rivaleggiare con Suez come volume di scambio.

Lo ha detto il primo ministro russo Vladimir Putin intervenendo ad Arkhanghelsk, città nell’estremo nord russo, al secondo Forum ‘Artico-territorio di dialogo’.

Putin, esprimendo la speranza che il parlamento approvi entro fine anno la legge che regolamenta la navigazione lungo questa rotta, ha sostenuto che già entro la fine del 2011 il volume dei trasporti potrebbe raggiungere le 700.000 tonnellate, dopo i viaggi sperimentali delle prime petroliere.

“La via più breve per collegare i grandi mercati europei e la regione dell’Asia-Pacifico passa attraverso l’Artico. Questa via è più di un terzo della tradizionale rotta meridionale che passa per Suez” ha detto Putin ai partecipanti, tra i quali il presidente islandese Olafur Grimsson.

E mentre i funzionari regionali hanno sottolineato l’importanza che la Russia modernizzi le strutture portuali della regione che affaccia sul Mar Bianco, adotti misure di prevenzione e contrasto a possibili catastrofi naturali provocate dal transito di petroliere e acquisti un numero maggiore di rompighiaccio, Putin ha ribadito come gli alti prezzi del petrolio, legati alla continua domanda cinese e di altre economie emergenti, stiano facendo crescere sempre più l’interesse su questa rotta che permette di accorciare di 4000 miglia nautiche la rotta tradizionale.

L’utilizzo di questa nuova rotta è inoltre facilitato dallo scioglimento dei ghiacci dovuto al surriscaldamento globale.

Proprio gli ambientalisti hanno espresso le loro preoccupazioni, sottolineando come nell’eventualità di un disastro ambientale legato a danni provocati dale petroliere sarebbe molto più difficile intervenire nella zona artica per porre rimedio.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *