Socialize

Botswana: sindacati contro governo dopo raffica di licenziamenti

    di  .  Scritto  il  24 Settembre 2011  alle  10:48.

I sindacati del Botswana si sono rivolti a un tribunale e hanno citato in giudizio il governo per la riassunzione di 2600 impiegati pubblici licenziati in seguito al primo sciopero generale mai convocato nel paese e risalente allo scorso aprile.
“I nostri compagni stavano partecipando a uno sciopero legale e il governo non aveva alcun diritto di licenziarli, per questo motivo ci siamo rivolti alla giustizia” ha detto Andrww Motsamai, presidente del sindacato del Botswana per i dipendenti pubblici.
In totale, sono tre i sindacati che hanno aderito all’iniziativa. Lo sciopero di aprile era stato organizzato per chiedere un aumento salariale del 16%. Successive trattative portarono a un accordo per un aumento del 3%. Lo sciopero aveva coinvolto diversi settori del paese tra cui i lavoratori di scuole, ospedali e miniere. Successivamente alla manifestazione, il governo ha approvato un regolamento che definisce essenziali i ruoli ricoperti da insegnanti, minatori e operatori sanitari dell’istituto nazionale per i vaccini: per loro in futuro sarà più difficile aderire a scioperi.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *