Socialize

Tailandia: alluvioni, dichiarata la catastrofe in un terzo delle province del paese

    di  .  Scritto  il  13 Ottobre 2011  alle  7:00.

Un terzo delle province tailandesi sono state dichiarate in stato di catastrofe critica a causa delle inondazioni: lo ha deciso il governo tailandese, nel tentativo di venire a capo delle storiche inondazioni che colpiscono il paese dalla fine di Luglio.

In una conferenza stampa, il vice-Primo ministro di Bangkok, Yongyuth Wichaidit, ha spiegato che con la dichiarazione di catastrofe critica il governo può contare su poteri speciali a livello nazionale e dare al contempo maggiori competenze ai governatori locali, che potranno direttamente distribuire materiale e gestire le finanze per far fronte all’emergenza

La decisione dovrebbe accelerare le operazioni di soccordo  nelle 26 ( su 77) province attualmente inondate.

Almeno 281 persone sono morte e milioni sono state colpite dalla fine di Luglio dalle inondazioni, le peggiori che la Tailandia ricordi da decenni.

La capitale Bangkok, con i suoi 12 milioni di abitanti, ha rinforzato le sue difese ma si sta preparando all’arrivo nelle prossime ore di possibili inondazioni.

Il primo ministro Yingluck Shinawatra ha lanciato ieri un appello a coloro che abitano fuori dalle zone maggiormente protette (veri e propri muri sono stati creati intorno ai siti strategici) a prepararsi alle alluvioni.

A nord di Bangkok vi sono già alcune zone sommerse da alcuni metri di acqua, tra le quali un importante zona industriale dove si trova la fabbrica dell’azienda automobilistica giapponese Honda che è stata completamente allagata.

Ieri anche la Toyota ha annunciato la decisione di sospendere per una settimana (dal 10 al 15 ottobre) la produzione di auto nelle tre fabbriche presenti in Tailandia a causa del maltempo.

Le inondazioni hanno provocato oltre 200 morti nella vicina Cambogia e almeno24 inVietnam.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *