Socialize

Forti piogge provocano 30 morti in America Centrale

    di  .  Scritto  il  14 Ottobre 2011  alle  9:49.

Sono almeno 30 le persone morte finora per le forti piogge che da giorni stanno cadendo sulla zona centrale dell’America Latina e su parte del Messico, in America Settentrionale.

Lo si apprende dai bilanci ufficiali diffusi dai governi dei vari paesi interessati, i quali precisano che il maltempo colpisce direttamente oltre 100.000 persone costrette ad abbandonare le proprie terre per alluvioni e smottamenti.

I Paesi più colpiti sono Guatemala, El Salvador, Nicaragua, Costa Rica, Honduras e Messico, con il Guatemala costretto ad affrontare la situazione peggiore.

Secondo i dati diffusi dal Coordinamento nazionale per la riduzione dei disastri (Conred) guatemalteco, finora le piogge hanno provocato almeno 16 morti nel paese e vi sono 130.000 persone in situazione d’emergenza.

Bilanci parziali che rischiano di aggravarsi nelle prossime ore, dal momento che i meteorologi prevedono che le piogge resteranno forti ancora nei prossimi giorni.

Nicaragua ed El Salvador vivono una situazione meno grave, ma altrettanto difficile, mentre in Costa Rica e Hoduras le autorità hanno avviato nelle ultime 48 ore una serie di programmi di evacuazione della popolazione dalle zone considerate maggiormente a rischio di smottamenti e frane, considerate la principale minaccia provocata dal maltempo.

In Messico, dove alle forti piogge si uniscono gli uragani tipici di questa stagione nella zona del Pacifico, conta già una decina di morti, soprattutto nello stato occidentale di Jalisco, dove martedì ha toccato terra l’uragano Jova.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *