Socialize

Colombia: le Farc promettono battaglia dopo la morte del loro capo

    di  .  Scritto  il  7 Novembre 2011  alle  5:19.

Le Forze armate rivoluzionarie di Colombia (Farc) hanno diffuso un documento nel quale sostengono di voler continuare la loro lotta contro il governo centrale di Bogotà, nonostante la morte di Alfonso Cano, il loro capo ucciso nel corso di una operazione militare lo scorso venerdì.
Secondo le Farc la pace in Colombia non dipende da una smobilitazione dei gruppi ribelli ma da una soluzione condivisa delle cause profonde della ribellione. La dichiarazione delle Farc è stata trasmessa attraverso l’Agenzia di stampa notizie della Colombia.
Guillermo León Sáenz alias “Alfonso Cano” era alla guida delle Farc dal marzo 2008, in seguito alla morte per malattia di Manuel Maruklanda, fondatore del gruppo ribelle. Cano è stato ucciso tra i municipi di Suárez e Mondomo, a nord-est di Cauca (nell’est della Colombia). Assieme a lui sono stati colpiti a morte la compagna “Patrizia” e il responsabile delle trasmissioni radio delle Farc, “Zorro”. Il corpo di Cano è arrivato nella notte di sabato a Bogotà tra imponenti misure di sicurezza.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *