Socialize

Gran Bretagna: 48 ore per sgomberare l’ambasciata di Teheran a Londra

    di  .  Scritto  il  1 Dicembre 2011  alle  7:00.

Sono 48 le ore concesse allo staff diplomatico iraniano dal ministro degli Esteri britannico William Hague per lasciare il paese. La risposta all’assalto di manifestanti iraniani contro la sede diplomatica inglese a Teheran è stata rapida e al massimo livello: la chiusura dell’ambasciata iraniana a Londra.

“Qualunque paese ci renda impossibile operare sul proprio territorio non può aspettarsi di avere un’ambasciata funzionante qui da noi” ha detto Hague davanti al parlamento riunito, aggiungendo che i manifestanti hanno potuto contare su un certo grado di consenso del regime iraniano quando martedì hanno invaso l’ufficio diplomatico per protestare contro sanzioni inglesi decise per la questione del nucleare. Hague ha anche detto che tutto il personale diplomatico britannico in Iran è stato evacuato.

L’Iran ha condannato la decisione inglese e annunciato ulteriori misure. Intanto altri paesi europei hanno preso iniziative: Germania, Francia e Paesi Bassi hanno richiamato i rispettivi ambasciatori a Teheran per consultazioni, mentre la Norvegia ha temporaneamente chiuso la sua sede diplomatica per precauzione. Il ministro degli Esteri italiano ha invece convocato l’ambasciatore iraniano a Roma chiedendo precise garanzie sulla sicurezza della missione a Teheran.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *