Socialize

Egitto: al ballottaggio tra denunce e strani errori

    di  .  Scritto  il  6 Dicembre 2011  alle  7:00.

Stanchezza: così Abdel Moez Ibrahim, presidente dell’Alta commissione elettorale, ha giustificato la diffusione di un dato errato relativo all’affluenza alle urne nella prima tornata delle elezioni legislative. Non il 62%, bensì il 52% degli aventi diritto si è recato a votare. Un errore pesante che ha segnato la prima giornata di ballottaggio in programma ieri (oggi si replica).

All’errore ammesso da Ibrahim si aggiungono con più forza le critiche di chi continua a denunciare violazioni da parte di esponenti di quasi tutti i partiti.

Nel paese si continua intanto a discutere sulle possibili alleanze cui sarà demandato il compito di costruire il nuovo Egitto. La decisione spetterà sostanzialmente al partito Libertà e giustizia dei Fratelli musulmani, prima forza politica capace in questa prima tornata di raccogliere il 40% delle preferenze. Due le alternative: un’alleanza tutta islamica con i salafiti del partito La Luce (al-Nour); una svolta moderata con i liberali del Blocco egiziano e forse gli islamici del Centro (al-Wasat).

I conti si potranno fare a gennaio dopo le altre due tornate in programma, la prima il 14 dicembre, la seconda il 3 gennaio.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *