Socialize

Egitto: la debacle elettorale dei giovani di piazza Tahrir

    di  .  Scritto  il  7 Dicembre 2011  alle  7:00.

Frammentazione, lontananza dagli elettori, mancanza di esperienza: questi gli ingredienti costati cari ai partiti liberali e ai giovani rivoluzionari di piazza Tahrir, secondo una serie di pareri raccolti dal quotidiano egiziano al-Masry al-Youm.

Come già successo in Tunisia ma anche in Marocco l’avanguardia giovanile che aveva innescato le rivolte alla prova delle urne non è stata capace di esprimere leader riconosciuti e di proporre valori generalmente sentiti. Al contrario dei partiti di orientamento islamico forti di anni di vera opposizione, di strutture solide, di finanziamenti e portatori di valori ben noti alle società arabe.

Secondo Hossam al-Kholi, capo del comitato elettorale del partito Wafd, i movimenti giovanili non hanno avuto sufficiente tempo per organizzarsi e non hanno raccolto il favore di chi dalle continue proteste di piazza pensa di aver ricevuto danni economici.

Un altro esperto politico sentito dal quotidiano egiziano, Ammar Ali Hassan, ha a sua volta sottolineato i pochi mezzi a disposizione dei giovani rivoluzionari costretti anche fronteggiare una propaganda denigratoria organizzata dal Supremo consiglio delle forze armate, la giunta al potere dopo la caduta di Mubarak.

La frammentazione politica delle formazioni liberali ha poi contribuito a rendere ancora più evidente l’affermazione dei partiti islamici nella prima delle tre tornate elettorali in programma (le altre due si terranno il 14 dicembre e il 3 gennaio).

Non ultimo a pesare è stato il fattore religioso. Il portavoce del partito Adl, Ahmed Shukri, ha detto che i gruppi islamici hanno tratto vantaggio dall’uso delle moschee e del sentimento religioso dei votanti, mentre i gruppi liberali dipendevano dalle loro piattaforme elettorali e dalle visioni di un futuro Stato civile.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *