Socialize

Iran: Ahmadinejad alza la voce, ma lascia aperta la porta delle trattative

    di  .  Scritto  il  27 Gennaio 2012  alle  6:59.

Ha condannato le sanzioni internazionali e sostenuto che sono i paesi occidentali a sabotare i negoziati sul programma nucleare di Teheran il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad. A una cerimonia di inaugurazione di 14 progetti industriali tenuta nella città di Sarcheshmeh, nella provincia di Kerman, Ahmadinejad ha accusato i paesi occidentali di colpire con le sanzioni la popolazione iraniana e di voler evitare i negoziati.

Sottolineando, come riferisce l’agenzia di stampa Irna, “l’arroganza” dei governi occidentali, Ahmadinejad ha confermato indirettamente la volontà di riaprire le trattative secondo nuove modalità, più rispettose delle istanze iraniane.

Lo scorso lunedì, l’Unione Europea ha aumentato la pressione su Teheran vietando ai propri membri la firma di nuovi contratti petroliferi con l’Iran ribadendo i dubbi in merito ai  programmi iraniani. Teheran sostiene che si tratta di programmi per un uso civile dell’energia nucleare, chi accusa sostiene invece che dietro gli esperimenti ci sarebbero scopi militari.

Attualmente l’Unione Europea importa il 20% della produzione petrolifera iraniana e l’Italia da sola il 10% subito dopo Cina (20%), Giappone (17%) e India (16%).

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *