Socialize

Afghanistan: la NATO rispetterà la tabella di marcia, nonostante il disappunto di Stati Uniti e Francia

    di  .  Scritto  il  3 Febbraio 2012  alle  6:59.

Il segretario generale della NATO, Anders Fogh Rasmussen, ha annunciato giovedì che l’Alleanza Atlantica continuerà a rispettare la tabella di marcia concordata in Afghanistan, nonostante le recenti dichiarazioni di Stati Uniti e Francia, che chiedono di accelerare la consegna dei ruoli di combattimento alle forza afghane.

“Il nostro obiettivo comune è che le forze afghane, entro la fine del 2014, siano in grado di gestire la sicurezza in tutto il paese. Ci atteniamo alla tabella di marcia”, ha detto Rasmussen, in vista di un summit di due giorni con i ministri della difesa NATO.

Sia il presidente francese Nicolas Sarkozy che il segretario della Difesa USA Leon Panetta, sostengono che la NATO debba concludere il suo intervento militare in Afghanistan prima della fine del 2013, con un anno di anticipo rispetto quanto pattuito al vertice di Lisbona del 2010.

“Il processo di transizione proseguirà per tutto il 2012 e valutiamo che le ultime province verranno consegnate alle forze di sicurezza afghane entro la fine del 2013. Da quel momento, le forze di sicurezza afghane avranno il controllo di tutto l’Afghanistan, e da quel momento, il ruolo delle nostre forze cambierà gradualmente, dal combattimento al supporto. In questo, niente di nuovo”, ha precisato Rasmussen.

“Naturalmente è di cruciale importanza che tale cambiamento abbia luogo all’interno della rete ISAF (International Security Assistance Force), e che tale cambiamento tenga conto della reale situazione di sicurezza sul terreno”.

I ministri della Difesa NATO discuteranno il “modo migliore per attuare questa transizione” in occasione del prossimo vertice di Chicago, previsto a maggio, ha aggiunto il funzionario.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *