Socialize

Colombia: ostaggi FARC, Governo “disposto a collaborazione straniera”

    di  .  Scritto  il  6 Febbraio 2012  alle  9:01.

Il Governo di Juan Manuel Santos ha dichiarato di essere “disposto ad accettare la collaborazione di un paese straniero” nel tentativo di liberare i 5 poliziotti e il militare sequestrati dalle FARC (Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia).

Lo riferisce l’agenzia colombiana NTN24, precisando che lo scorso mercoledì le FARC avevano annunciato il rinvio sine die della liberazione dei 6 effettivi sequestrati più di un decennio fa, denunciando la presenza delle truppe governative nella zona in cui era previsto il rilascio degli ostaggi.

“Con le proprie risorse, o se necessario con l’aiuto dei paesi amici, il Governo ha la capacità e la disponibilità di scovare queste persone anche domani stesso”, ha detto domenica ai giornalisti il ministro della Difesa Juan Carlos Pinzón.

Finora il Governo si era mostrato riluttante all’opzione di una collaborazione esterna, già avvenuta in occasione delle due ultime liberazioni di ostaggi delle FARC, in cui il Brasile fornì elicotteri ed equipaggio per realizzare l’operazione sotto l’egida del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR).

Le FARC, fondate nel 1964 e con oltre 9.000 combattenti nelle proprie file, mantengono in ostaggio almeno 11 militari e poliziotti, molti di essi da oltre un decennio, con l’obiettivo di scambiarli con i guerriglieri detenuti.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *