Socialize

Turkmenistan: elezioni, in attesa della riconferma del presidente Berdymukhamedov

    di  .  Scritto  il  13 Febbraio 2012  alle  7:00.

È una riconferma scontata quella che attende il presidente uscente del Turkmenistan, Kurbanguly Berdymukhamedov, dove ieri si sono chiuse le urne per le elezioni presidenziali.

Berdymukhamedov, che si è presentato per un secondo mandato consecutivo, è uno degli otto candidati alla guida del paese, ma analisti e media internazionali concordano nel definire “di facciata” gli altri sette aspiranti alla massima carica dello Stato, i quali, durante la campagna elettorale, avrebbero addirittura ripetutamente ringraziato il presidente per il lavoro svolto.

Le elezioni – boicottate da alcune organizzazioni internazionali, come l’Osce, che non hanno inviato missioni di osservazione elettorale criticando la mancanza di riforme democratiche – si sono svolte nella calma.

I primi risultati sono attesi oggi, ma sono pochi i dubbi su una rielezione del capo di Stato uscente.

Ex-ministro della Sanità, Berdymukhamedov promise riforme politiche profonde quando venne eletto con l’89% dei consensi nelle elezioni del 2007, indette dopo l’improvvisa morte del suo predecessore, il discusso Saparmurat Niyazov.

Il Turkmenistan possiede la quarta riserva mondiale di gas e ha tra i suoi principali clienti la Cina e l’Europa.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *