Socialize

Afghanistan: in migliaia a Bagram contro la base militare statunitense

    di  .  Scritto  il  22 Febbraio 2012  alle  7:00.

Migliaia di afghani, armati di bombe molotov e fionde, hanno manifestato davanti ai cancelli della base militare americana di Bagram, in Afghanistan, 60 chilometri a nord di Kabul, accusando le truppe straniere di aver bruciato il Corano. I manifestanti urlavano slogan contro gli statunitensi al grido “a morte gli americani” e “morte agli infedeli”. Le guardie hanno risposto sparando proiettili di gomma, uno dei quali ha colpito un fotografo dell’Afp.

John Allen, comandante delle forze Nato nel paese, si è scusato col “nobile popolo dell’Afghanistan” e ha ordinato l’apertura di un’inchiesta per indagare sul comportamento dei suoi militari.

Ad aprile 2011, dieci persone rimasero uccise e molte altre ferite in una grande manifestazione organizzata nel paese contro il pastore americano Terry Jones, che in Florida bruciò pubblicamente una copia del testo sacro di Allah.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Nessun articolo correlato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *