Socialize

Terra Rossa, viaggio nel cuore della Tanzania

    di  .  Scritto  il  20 Aprile 2012  alle  11:26.

 Tra la terra rossa, viva, che si attacca ai vestiti, e il cielo straripante che ti avvolge, pulsa un’Africa nascosta, lontana dagli itinerari turistici, che si schiude solo a quei viaggiatori in grado di spogliarsi dalle proprie convinzioni, abitudini, pregiudizi. È questa l’Africa raccontata da Giampaolo Petrucci, giornalista, nel suo libro ‘Terra rossa. Viaggio nel cuore della Tanzania’, che verrà presentato questo sabato, 21 aprile, a Roma.

Il diario di viaggio e 80 fotografie a colori ci catapultano in un mondo a noi distante. Dalla regione di Morogoro, fin nella valle dello Yovi, per approdare infine a Dar es Salaam, il racconto di Petrucci è fitto di incontri: con uomini e donne che hanno deciso di dedicare la loro vita a questa terra, lavorano e crescono i loro figli, con la natura stessa che silenziosa detta ritmi e tempi della vita. “In questo viaggio non si cammina sulle strade dell’Africa. Si cammina sulle strade dell’incontro con l’altro”, scrive, nella prefazione, Jean-Léonard Touadi, parlamentare, docente all’Università di Tor Vergata. “Non un racconto fatto da turisti chiusi dentro isole turistiche, dove l’Europa riproduce se stessa” ma “un dialogo tra esseri umani colti nell’intrecciarsi dei destini e nell’interrogativo, essenziale e unico per tutti gli uomini e le donne d’Africa e d’Europa, sul senso della fratellanza umana”.

Conosciamo così p. Riccardo Maria Riccioni che nel 1997 ha fondato i Ndugu Wadogo wa Africa, i piccoli Fratelli e Sorelle d’Africa, e che a Morogoro ha aperto una scuola, l’Auto Liberation for Africa: un punto di eccellenza per gli standard qualitativi dell’istruzione nel Paese. Privata, a costi ridotti, con un corpo docente di prim’ordine, la scuola è apprezzatissima. Ma per quanto p. Riccardo cerchi di contentare tutte le richieste, per molti aspiranti – soprattutto per le ragazze – le porte restano chiuse.

Petrucci ci presenta mama Josephine Bakhita, direttrice dell’Amani Centre, una comunità di accoglienza e di reinserimento per bambini con disabilità fisica o mentale: una donna che ha deciso di rendere la sua esperienza personale con il figlio disabile un’esperienza collettiva fondando quello che è divenuto un importante punto di riferimento per molte famiglie.

“Fa piacere tornare ai propri ritmi e abitudini, alla propria casa, agli affetti di sempre – scrive l’autore a conclusione del suo viaggio – . Eppure, appena rientri in Italia, appena riprese le attività quotidiane, si percepisce chiaramente di avere trovato laggiù qualcosa di fondamentale e di essere tornati cambiati in profondità. Ed è dentro questa sensazione, a cui difficilmente si riesce a dare un nome, che sale quel senso di spaesamento e d’inadeguatezza nei confronti del nostro mondo e della nostra gente”.

“Terra Rossa” non è soltanto un racconto di viaggio: è anche un sostegno concreto a un progetto di microcredito avviato nella Valle dello Yovi da una religiosa, Suor Ludys, con l’appoggio dei missionari stimmatini, per dare spazio all’imprenditorialità femminile, principalmente nel settore agricolo. Inaugurato il 20 agosto 2009 con 19 adesioni (tra cui 2 musulmane) il gruppo del microcredito coinvolge oggi oltre 100 donne.

Giampaolo Petrucci, redattore di ‘Adista’ e fotografo, sarà presente all’incontro organizzato attorno a “Terra rossa. Viaggio nel cuore della Tanzania”  domani alle 16.00 presso il Parco della Cellulosa. All’evento, promosso da ‘Spazio etico’ e dalla casa editrice ‘Cambia una virgola’, sarà presente anche Andrea Baranes, della Campagna per la Riforma della Banca Mondiale.

(Con Ingrid Colanicchia)

* Titolo: Terra Rossa. Viaggio nel cuore della Tanzania.

*Autore: Giampaolo Petrucci

*Editore: Cambia una virgola

*Data di pubblicazione: 2011

*Prezzo: 15 €

*Pagine: 208

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *