Socialize

Il grande buco nero della ricchezza mondiale, 10 milioni di evasori come Stati Uniti e Giappone

    di  .  Scritto  il  23 Luglio 2012  alle  7:00.

Almeno 21 trilioni di dollari americani alla fine del 2010 erano custoditi in segreti conti correnti presso paradisi fiscali offshore. E’ quanto sostenuto da un nuovo studio di Tax Justice Network e intitolato The Price of Offshore Revisited.

Lo studio sottolinea che la stima è per difetto che i trilioni potrebbero essere 32 e che comunque i 21 indicati corrispondono alle economie combinate di Stati Uniti e Giappone. Elaborato da James Henry, ex capo economista di McKinsey&Co, la ricerca dimostra il crescente divario tra ricchi e poveri in un pianeta sempre più abitato ma in cui non tutti godono delle stesse possibilità e risorse.

Questo esercito di evasori fiscali proviene soprattutto da paesi emergenti o da paesi in cui alla ricchezza di risorse naturali non corrispondono regimi democratici o in cui le istituzioni nazionali sono particolarmente minate da corruzione e cattiva amministrazione.

I risultati della ricerca sono ricavati da Banca mondiale, Fondo monetario internazionale, Nazioni Unite, Banche nazionali e da “triangolazioni” con l’acquisto di oro e valuta pregiata, e con altri dati.

Tra i tanti risultati ottenuti, l’analisi ha consentito di appurare che alla fine del 2010 le prime 50 banche private hanno collettivamente gestito più di 12,1 trilioni di dollari per clienti privati, quando nel 2005 la somma totale era stata di 5,4 trilioni di dollari.

Tra gli altri dati quelli più interessanti riguardano la classifica delle banche che gestiscono questo tesoro e il numero dei super-ricchi evasori. Le prime tre banche sono tre pesi massimi della finanza, due svizzeri e uno statunitense: Ubs, Credit Suisse e Goldman & Sachs.

I super-ricchi che stanno invece evadendo le tasse nei loro paesi depositando questa immensa ricchezza in sicuri paradisi fiscali sono 10 milioni, ma 100.000 di questi controllano da soli quasi la metà della torta, ovvero 9,8 trilioni di dollari.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *