Socialize

Brasile: Primeiro Comando da Capital presente in 22 stati federali

    di  .  Scritto  il  26 Novembre 2012  alle  7:00.

La maggiore organizzazione criminale brasiliana, Primeiro Comando da Capital (PCC), è sempre più radicata nel paese e opera in 22 dei suoi 27 stati, così come in Paraguay e Bolivia, secondo un rapporto del ministero della Giustizia.

Il PCC, creato nel 1993 da narcotrafficanti attualmente detenuti nel carcere di Taubaté, a 141 chilometri da San Paolo, è dietro la recente ondata di violenza in questo stato. Agli inizi di novembre le autorità hanno trasferito i capi PCC reclusi in San Paolo in prigioni di massima sicurezza in altri stati del paese.

Nel rapporto ministeriale, riportato dal quotidiano locale O Globo, si legge che ogni anno per le mani di PCC passano circa 72 milioni di reais (32 milioni di dollari), frutto delle vendite della droga. PCC conta 13.000 affiliati: 6.000 sono detenuti nelle prigioni dello stato di San Paolo, 2.000 sono in libertà e altri 5.000 circolano liberamente in altri stati.

Ben 135 dei 152 carceri dello stato di San Paolo sono controllati da PCC, che trasmette gli ordini ai suoi affiliati in libertà, i quali devono inviare 400 dollari al mese all’organizzazione. Se un membro PCC è in carcere, il denaro è destinato alla sua famiglia e alle spese per l’assistenza legale.

PCC è in forte espansione negli stati di Mato Grosso e Paraná per la loro vicinanza alla Bolivia e al Paraguay, paesi da cui provengono i carichi di droga.

Lo scorso 8 agosto, le autorità brasiliane avevano intercettato un messaggio tramite il quale PCC ordinava di “uccidere due poliziotti ogni affiliato PCC giustiziato per le strade di San Paolo dalla polizia”.

Il 30 ottobre il governatore dello stato, Geraldo Alckmin, ha ammesso l’esistenza di una “guerra” tra il gruppo e le forze di polizia. Dall’inizio dell’anno, un centinaio di poliziotti sono morti a San Paolo, contro i 47 del 2011.

Al momento le statistiche di novembre non sono state pubblicate, ma la stampa locale parla di cifre ancora più alte.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *