Socialize

Bahrain: opposizione politica cancellata in tribunale

    di  .  Scritto  il  8 Gennaio 2013  alle  7:00.

La corte suprema del Bahrain ha confermato ieri le pene contro 13 dirigenti dell’opposizione per la loro partecipazione alle proteste del 2011. Le condanne vanno dall’ergastolo alla reclusione tra i 5 e i 15 anni di carcere.

Gli avvocati della difesa informano che i 13 oppositori, detenuti da due anni, non potranno appellarsi a questa decisione. A sette di loro – tra questi anche Abdulhadi Alkhawaja, fondatore del Centro per i diritti umani del Golfo – spetterà il carcere a vita, mentre ai restanti sei la reclusione dai 5 ai 15 anni di carcere. I 13 sono tutti sciiti.

Nell’aprile del 2011 aveva avuto inizio il primo processo contro gli oppositori, un mese dopo che il governo del regno del Golfo, guidato dalla dinastia sunnita al-Khalifa, reprimesse il movimento di protesta. Successivamente, il 30 dello stesso mese, la corte suprema aveva ordinato un nuovo processo.

Nel giugno di quell’anno, i 13 militanti erano stati condannati a pene che andavano dai due anni di carcere all’ergastolo da un tribunale speciale per il presunto complotto contro il governo. In seguito, il 4 settembre, una corte d’appello aveva confermato l’ergastolo per gli oppositori.

Dal febbraio del 2011, migliaia di manifestanti hanno tenuto frequenti manifestazioni per le strade del Bahrain a sostegno e in difesa della democrazia, chiedendo in alcuni casi la trasformazione del paese in una repubblica.

Nel marzo del 2011, truppe dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti (EAU) erano entrate nel paese a sostegno del governo di Manama e su sua richiesta.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *