Socialize

Iran: nucleare, scarse aspettative per la “nuova” offerta dei 5+1

    di  .  Scritto  il  27 Febbraio 2013  alle  7:00.

Continueranno anche oggi ad Almaty, in Kazakistan, i colloqui tra il gruppo dei paesi 5+1 (Cina, Francia, Germania, Regno Unito, Russia e Stati Uniti) e Iran sul controverso programma nucleare iraniano. Il negoziato, ripreso ieri, ha già registrato “lievi” progressi, assicurano le parti.iranahmadinejad3

Si tratta del primo incontro dedicato alle attività nucleari iraniane in otto mesi. Il precedente, tenutosi a Mosca lo scorso giugno, non aveva registrato alcun esito. Gli analisti non si aspettano sviluppi neanche dal confronto odierno.

Michael Mann, portavoce di Catherine Ashton – capo della diplomazia dell’Unione Europea (Ue) e responsabile dei contatti tra Teheran e le superpotenze – ha detto ieri a Afp che “gli iraniani hanno finora mostrato flessibilità e disponibilità al compromesso. Ci auguriamo che lo stesso facciano domani”.

Mann ha aggiunto che la delegazione iraniana ha tenuto colloqui bilaterali con la controparte russa, tedesca e britannica sulla “nuova offerta” del 5+1, un alleggerimento delle sanzioni – in particolare quelle sul commercio dell’oro, quelle che riguardano l’industria petrolchimica e alcune sanzioni bancari – se Teheran accettasse di rivedere alcuni aspetti sulle sue ambizioni nucleari.

L’offerta dei 5+1 rinnova quella fatta all’Iran al vertice di Baghdad, all’inizio del 2012, vale a dire “lo stop dell’arricchimento al 20% e la chiusura del sito nucleare di Fordow”.

Sergei Ryabkov, capo della delegazione russa, ha definito “utile” il round di colloqui di ieri.

Dalle agenzie di notizie iraniane emerge che Teheran ha una nuova offerta “di peso, con varie versioni” da formulare alle superpotenze: in funzione della proposta che le sarà fatta, presenterà una o l’altra di queste versioni. Fonti iraniane rivelano che l’Iran potrebbe prendere in “considerazione lo stop dell’arricchimento al 20% in cambio della revoca di ogni sanzione internazionale, in particolare quelle del Consiglio di Sicurezza” dell’Onu.

Dal 2003 le superpotenze cerano di convincere l’Iran a porre un freno al suo programma di arricchimento dell’uranio, secondo l’Occidente ed Israele finalizzato alla produzione di armi atomiche. Teheran ha sempre negato le accuse, sostenendo i fini civili delle proprie attività nucleari.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Un commento a Iran: nucleare, scarse aspettative per la “nuova” offerta dei 5+1

  1. carolus Rispondi

    27 Febbraio 2013 alle 11:56

    La sola sanzione possibile nei confronti dell’Iran è quella di distruggere i suoi siti di arricchimento dell’uranio.
    L’occidente non deve credere mai ad una sola parola di quella gente che vive con la promessa di distruggere Israele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *