Socialize

Stati Uniti: tagli al bilancio, rimessi in libertà centinaia di immigrati irregolari

    di  .  Scritto  il  1 Marzo 2013  alle  7:00.

Il Bureau of Immigration and Customs Enforcement (Ice) ha rimesso in libertà diverse centinaia di immigrati irregolari per problemi di bilancio.statiunitiice

Lo ha riferito ieri la stessa agenzia, definendo la misura “necessaria” per garantire che i livelli di detenzione siano “in linea” con il budget attuale, in attesa di sapere se entreranno o meno in vigore i tagli di 65 miliardi di dollari di cui si sta discutendo in congresso.

Gli immigrati clandestini in questione passeranno ora a un regime di vigilanza “meno costoso”, tramite controllo elettronico o periodica comparsa presso gli uffici Ice, finché un tribunale statunitense “deciderà sulla deportazione nel paese di origine”. Non vi rientrano gli autori di infrazioni più gravi o che rappresentano una minaccia per la collettività, precisa l’Ice.

I repubblicani hanno fortemente criticato il provvedimento, sostenendo che sia una manovra politica del presidente Barak Obama per far pressione al congresso affinché approvi un nuovo bilancio e rimandi questo tipo di tagli.

La Casa Bianca e l’opposizione repubblicana al congresso non hanno ancora trovato un accordo per rimpiazzare un programma di tagli obbligatori per i prossimi dieci anni, concordato un anno e mezzo fa. Da oggi dunque entrerà in vigore questo programma che prevede tagli al bilancio della maggior parte degli uffici governativi.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *