Socialize

Nucleare iraniano, Teheran e comunità internazionale riesaminano tutte le proposte

    di  .  Scritto  il  20 Marzo 2013  alle  7:30.

L’Iran e i paesi del cosiddetto gruppo 5+1 (Cina, Francia, Germania, Regno Unito, Russia e Stati Uniti) stanno passando in rassegna le proposte di entrambe le parti sul programma nucleare iraniano formulate negli ultimi incontri.iranfordow

Lo ha riferito, tramite un comunicato emesso ieri, il Consiglio supremo di sicurezza nazionale (Snsc) iraniano, secondo il quale le parti starebbero riesaminando alcuni punti dell’agenda degli appuntamenti di Mosca, Almaty e Istanbul. Quest’ultimo si è tenuto domenica e lunedì.

I risultati saranno presentati al prossimo round di colloqui ad Almaty il 5 e 6 aprile, si legge nel comunicato, che non fornisce ulteriori dettagli.

Ancora ieri, Michael Mann, portavoce di Catherine Ashton – capo della diplomazia dell’Unione Europea (Ue) e responsabile dei contatti tra Teheran e le superpotenze – ha dichiarato che ad Istanbul si è respirato un clima di “fiducia reciproca”.

Domenica, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Ramin Mehmanparast ha detto all’agenzia di notizie semi-ufficiale Fars che il successo dei colloqui in Turchia dipende dai “passi reciproci delle due parti (…) I negoziati dovrebbero progredire verso il riconoscimento del diritto nucleare pacifico del nostro paese, evitando preoccupazioni e allarmismi dall’altra parte”.

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha esortato lunedì la leadership iraniana a intraprendere “misure immediate e significative” per ridurre le tensione e lavorare per una “soluzione duratura” alla questione nucleare. In caso contrario, “la Repubblica Islamica continuerà ad essere isolata dalla comunità internazionale”, ha avvertito Obama.

Dal 2003 le superpotenze cerano di convincere l’Iran a porre un freno al suo programma di arricchimento dell’uranio, secondo l’Occidente ed Israele finalizzato alla produzione di armi atomiche. Teheran ha sempre negato le accuse, sostenendo i fini civili delle proprie attività nucleari.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *