Socialize

Brasile: proteste di piazza, crolla l’approvazione verso i politici

    di  .  Scritto  il  3 Luglio 2013  alle  7:00.

brasileprotesteLe proteste che stanno travolgendo da oltre due settimane il Brasile hanno influenzato in maniera significativa la fiducia della gente nei confronti della classe politica.

Lo rivela un sondaggio pubblicato dal quotidiano Folha de Sao Paulo, secondo il quale i più bassi tassi di approvazione si registrano nelle grandi città come Rio de Janeiro e San Paolo. Lo studio è stato condotto da Datafolha il 27 e il 28 giugno.

A San Paolo, l’indice di gradimento nei confronti del sindaco Fernando Haddad è sceso a 14 punti percentuali, rispetto ai 34 degli inizi di giugno.

Anche il governato dell’omonimo stato, Geraldo Alckmin, ha subito un forte calo, passando dal 52 al 38%.

A Rio, il governatore Sergio Cabral riporta un tasso di approvazione del 25%, mai così male in sei anni e mezzo di governo, mentre il sindaco Eduardo Paes è ora al 30%.

Anche la popolarità della presidente Dilma Rousseff ha subito un duro colpo, passando dal 57% nella prima settimana di giugno al 30% nell’ultima.

Il 32% degli intervistati giudica “buona” o “ottima” la condotta di Rousseff durante le proteste, mentre il 26% disapprova la gestione dei disordini.

Rousseff ha presentato ieri al congresso i dettagli di un referendum che spera possa placare le proteste di piazza, con le quali si denuncia la dilagante corruzione e si chiedono nuovi investimenti sociali.

Il referendum riguarda una riforma politica – vecchio progetto del Partito dei lavoratori di Rousseff – in particolare il finanziamento di partiti e campagne elettorali e un sistema elettorale che avvicini chi vota a chi viene votato.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *