Socialize

Messico: 2012, impunito il 98% degli omicidi

    di  .  Scritto  il  26 Luglio 2013  alle  7:00.

messiconarcocadaveriMeno del 2% degli omicidi commessi in Messico nel 2012 sono stati chiariti o puniti i loro responsabili. Secondo le cifre ufficiali dell’Istituto Nazionale di Statistica e Geografia (Inegi), dei 27.700 omicidi intenzionali avvenuti lo scorso anno, solo 523 sono stati risolti con un verdetto di colpevolezza contro i suoi autori e, pertanto, il 98,2% dei casi rimane irrisolto.

Gli stati con il più alto tasso di omicidi dolosi rimasti impuniti nel 2012 sono stati Tlaxcala e Hidalgo, dove non è stato condannato nessun presunto assassino. A registrare più condanne è stato il Distrito Federal, dove sono state inflitte pene detentive a 145 soggetti, mentre rimangono impuniti 634 omicidi. Guerrero, lo stato di Mexico e Chihuahua, con circa 2 mila morti violente, sono le entità in cui si è versato più sangue. Baja California Sur e Yucatán, con meno di quaranta, le più pacifiche.

Per quanto riguarda i reati contemplati dalla Legge federale conto la criminalità organizzata, 2.270 lo scorso anno, appena 19 sono stati risolti (0,8% del totale). Secondo i dati dell’Inegi, nel 2012 sono stati processati 299 presunti responsabili di 1.825 atti considerati “criminalità organizzata”, ma solo due persone sono state condannate, per 19 reati avvenuti in Coahuila, Estado de México, Nuevo León, Sonora e Veracruz.

Il maggior numero di procedimenti legali per la condotta definita “criminalità organizzata” ha avuto inizio in Guerrero; tuttavia, nonostante in questo stato siano stati commessi 308 reati, sono stati processati solo 23 detenuti e nessuno di loro è stato condannato. In Guerrero, Distrito Federal, Estado de México, Veracruz, Tamaulipas, Morelos, Coahuila, Michoacán e Jalisco si è concentrato il 71% delle violazioni della Legge federale.

Nel corso del 2012 il Sistema Nazionale di Sicurezza Pubblica ha registrato 42.192 reati connessi al narcotraffico, contemplati sia dal Codice penale federale che dalla Legge generale di sanità. Di questi, se ne sono risolti 10.242, quindi rimane impunto il 76% delle attività relative a produzione, trasporto, traffico, possesso e commercio di stupefacenti.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *