Socialize

Grecia: la crisi nei supermercati, in vendita i prodotti scaduti

    di  .  Scritto  il  4 Settembre 2013  alle  7:00.

greciacrisiL’entrata in vigore, questa settimana, di una legge che consente ai negozi e ai supermercati della Grecia di vendere prodotti scaduti a prezzi bassi ha scatenato una forte polemica in un paese fortemente colpito dalla crisi e al sesto anno consecutivo di recessione. La nuova normativa autorizza la commercializzazione dei prodotti con data di scadenza superata, quelli con la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro”, sempre che avvenga in scaffali separati e a prezzo ridotto.

All’interno della categoria di prodotti che possono essere venduti rientra una certa categoria di prodotti a lunga scadenza che possono essere venduti al pubblico con sconti anche se scaduti. Quelli la cui data di scadenza è segnata da giorno e mese, potranno essere venduti fino ad una settimana dopo di tale data; quelli con indicazione del mese e dell’anno, fino ad un mese dopo, e quelli con indicazione del solo anno, fino a tre mesi dopo.

L’opposizione ha duramente criticato il governo del conservatore Antonis Samaras per l’approvazione di questo provvedimento, accusandolo di volere dividere i consumatori tra ricchi e poveri. Tuttavia, il segretario generale del Consumo del ministero dello Sviluppo, Yorgos Steryiu, ha assicurato che la direttiva è stata “male interpretata” dai media e che non sarà la data di scadenza quella che si utilizzerà, bensì quella “di vendita al pubblico”.

Diverse associazioni di consumatori si sono lamentate della nuova legge, mentre l’Organizzazione Greca di Sicurezza Alimentare l’ha definita “insufficiente” dal momento che ci sono molte “zone grigie” attraverso le quali imprenditori “senza scrupoli” potrebbero “introdurre nel mercato prodotti alimentari di dubbia qualità”.

L’anno scorso, il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione invitando le imprese a migliorare il confezionamento e a definire in maniera differente la scadenza dei propri prodotti per evitare sprechi alimentari.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *