Socialize

Brasile: finisce lo sciopero, la produzione di petrolio può riprendere

    di  .  Scritto  il  25 Ottobre 2013  alle  6:00.

I dipendenti del settore petrolifero brasiliano sono tornati ieri ai loro posti di lavoro dopo aver accettato la proposta della compagnia petrolifera statale Petrobras, che prevede un aumento dei loro salari.brasilerepsol

I lavoratori dell’industria del petrolio degli stati di Amazonas, Baia, Minas Gerais, Paraná, Rio de Janeiro, Rio Grande do Sul, Santa Catarina e San Paolo hanno annunciato la fine dello sciopero iniziato il 17 ottobre, con il quale chiedevano un aumento salariale, migliori condizioni di lavoro e il ritiro della decisione del governo di vendere i diritti di esplorazione di Libra, un immenso giacimento di petrolio offshore.

Petrobras ha concesso un aumento salariale dell’8,56 per cento, oltre che il pagamento di un bonus pari a un mese di stipendio. Inoltre, ha promesso di fornire un’assicurazione sanitaria, benefici educativi e migliori condizioni di sicurezza sul lavoro.

La Federazione Unita dei Lavoratori del Petrolio (Fup), che raggruppa 14 sindacati dell’impresa nazionale del greggio, ha riferito che la maggior parte dei sindacati ha accettato l’offerta e quindi i propri iscritti hanno acconsentito di tornare a lavoro.

Petrobras ha segnalato che lo sciopero non ha influenzato “eccessivamente” la produzione di greggio.

Ad aggiudicarsi il contratto per lo sviluppo di Libra, questa settimana, è stato un consorzio guidato da Petrobras (con il 40%). La compagnia statale brasiliana è tuttavia alla guida di una compagine Total e l’anglo-olandese Royal Dutch Shell, entrambe con il 20%, più due società cinesi, con il 10% ciascuna: Cnpc e Cnooc.

Secondo l’Agenzia Nazionale del Petrolio brasiliana e la società per la certificazione delle riserve di idrocarburi Degolyer & MacNaughton, Libra potrebbe avere riserve tra gli 8 e i 12 miliardi di barili di greggio.

Libra è l’ultima di una serie di scoperte di riserve “sottosale”, iniziate nel 2009 al largo della costa sud-est dello stato di Rio de Janeiro. Si tratta di depositi di greggio sul fondo marino sotto uno strato di sale.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *