Socialize

Israele non si ferma più, indetto concorso per nuove case a Gerusalemme Est

    di  .  Scritto  il  4 Novembre 2013  alle  7:21.

Il ministero della Casa e dell’Amministrazione delle terre ha indetto un concorso per l’acquisto dei primi lotti di terreno per la costruzione di 700 abitazioni nei quartieri ebraici di Gerusalemme Est, ha riferito ieri l’emittente locale Arutz 7.gerusalemmeest

Si tratta di due progetti per 387 case nel quartiere di Ramat Shlomo, abitato da ultra-ortodossi, e di altre 411 nel quartiere di Gilo, nel distretto di Betlemme.

“Seguiamo la politica di vendita effettiva di terreni edificabili in tutta Israele”, ha detto all’emittente il ministro della Casa Uri Ariel.

La vendita dei terreni edificabili fa parte del pacchetto di 5 mila nuove case annunciato la scorsa settimana dal primo ministro israeliano Benjamín Netanyahu, una decisione apparentemente presa per placare la destra nazionalista in seguito al rilascio di 26 prigionieri palestinesi.

I 26 costituiscono il secondo gruppo di prigionieri su un totale di 104 che Israele ha deciso di liberare per facilitare i negoziati di pace in corso.

La notizia ha generato le immediate critiche dell’Unione Europea (Ue), secondo cui questi insediamenti sono “illegali” perché vanno contro il diritto internazionale.

I negoziati tra Israele e il governo palestinese sono ripresi lo scorso luglio a Washington. Ma il dialogo sembra essere limitato dalla frustrazione dei palestinesi per i continui insediamenti ebraici in Cisgiordania.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *