Socialize

Regno Unito: Cameron esce allo scoperto sulle relazioni con l’Ue

    di  .  Scritto  il  17 Marzo 2014  alle  6:00.

regnounitocameronIl premier britannico David Cameron cercherà di evitare un’immigrazione di massa e le interferenze dell’Unione Europea (Ue) negli affari relativi alla forze di polizia e all’applicazione della legge.

Pressato dagli euroscettici del suo Partito Conservatore e del partito Ukip in vista delle elezioni europee di maggio, Cameron ha promesso nel weekend che rimodellerà i legami tra Londra e l’Ue.

In un’intervista rilasciata a The Sunday Telegraph, Cameron, che finora ha dato poche informazioni sulle modifiche specifiche in relazione al blocco comunitario, ha delineato le sue principali preoccupazioni circa la rinegoziazione.

Cameron ha sottolineato il suo “sostegno alla continua espansione dell’Ue ai nuovi membri, ma con nuovi meccanismo al fine di evitare migrazioni di massa in tutto il continente”.

Ha aggiunto che la cancelliere tedesca, Angela Merkel, e il primo ministro olandese, Mark Rutte, condividono la sua posizione: “Lo stato attuale delle cose non funziona (…) I parlamenti nazionali possono lavorare insieme per bloccare la legislazione europa non desiderata”.

“No ad un’unione sempre più stretta. No ad un costante flusso di potere verso Bruxelles. No a inutili ingerenze. E no, manco a dirlo, all’euro, alla partecipazione ai piani di salvataggio della zona euro e alla costituzione di un esercito europeo”, ha assicurato il premier britannico.

Le forze di polizia e i sistemi di giustizia dovrebbero essere esenti da “inutili” interferenze da parte delle istituzioni europee, tra cui la Corte europea dei diritti dell’uomo, ha detto.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *