Socialize

Francia: nella ricca Parigi i Rom espulsi “sistematicamente”

    di  .  Scritto  il  16 Aprile 2014  alle  6:00.

Una nota interna del commissariato di polizia del ricco distretto VI di Parigi, proveniente dalla sede centrale, invita a “localizzare le famiglie di Rom che vivono in strada” e ad “espellerli sistematicamente”.franciarom

Lo ha rivelato ieri il quotidiano Le Parisien, secondo cui con il documento, redatto l’11 aprile, si chiede anche di fare un “censimento dei luoghi pubblici con presenza di Rom, soprattutto quando questi si dedicano ad attività di accattonaggio, con o senza bambini, con o senza animali, e dei siti dove passano la notte”.

Consultato dal quotidiano, il delegato del sindacato della polizia Snop-SCSI, Jean-Pierre Colombies, ha ammesso che gli agenti sono obbligati ad eseguire gli ordini della questura, che è “fortemente influenzata dal potere politico”.

Il sindaco del distretto, il conservatore Jean-Pierre Lecoq, ha detto alla catena BFMTV di non essere sorpreso dalla nota bensì dal “vedere famiglie di Rom per la strada con bambini piccoli (…) Non è accettabile dal punto di vista umano e sociale”.

Secondo Lecoq, le famiglie Rom nel distretto VI si sono triplicate, rappresentano “un vero problema” e “un rischio sanitario” e “fanno parte di strutture mafiose che utilizzano essere umani per i loro affari illegali”.

In un’intervista alla radio RTL, il portavoce del governo, il socialista Stépahen Le Foll, ha minimizzato la nota interna della polizia, assicurando che la questura ha l’obiettivo di “evitare che nella capitale ci sia gente che, in condizioni di disagio e povertà, renda tutti estremamente nervosi”.

Pertanto, la soluzione del governo a questo “problema”, ha ricordato Le Foll, rimane quella di “far tornare i Rom ai loro paesi di origine, in Romania o Bulgaria”.

Le forze di polizia di Parigi dipendono dal governo del primo ministro Manuel Valls, che ha recentemente lasciato il ministero dell’Interno per assumere la guida dell’esecutivo socialista.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *