Socialize

Ucraina: all’est si chiede l’annessione alla Russia

    di  .  Scritto  il  13 Maggio 2014  alle  7:00.

La “Repubblica popolare di Donetsk” si è auto-dichiarata indipendente ieri – il giorno dopo lo svolgimento di un contestato referendum sullo status delle ‘oblast’ (regioni) di Donetsk e Lugansk, da settimane teatro di scontri tra le cosiddette milizie separatiste filorusse e le truppe fedeli a Kiev – e ha chiesto l’annessione alla Russia.

Le immagini del week end hanno mostrato parecchia gente accorsa ai seggi, accusati di non aver brillato per trasparenza; ma d’altro canto il risultato era scontato e il referendum rappresenta il momento più simbolico della mancanza di fiducia, da parte delle regioni orientali, rispetto al governo uscito dalla battaglia di Majdan a Kiev.

Secondo quel che ha annunciato il presidente della commissione elettucrainadonetskorale dell’autoproclamata repubblica, Roman Liaghin, il risultato ha visto l’89,07% dei votanti nella regione di Donetsk aver votato a favore dell’indipendenza; superiore al 90% è stata invece la percentuale raccolta dagli indipendentisti nella regione di Lugansk.

Durissimo il commento del Ministero degli Esteri ucraino: una “farsa criminale”. “Il referendum dell’11 maggio – si legge in un comunicato – ispirato, organizzato e finanziato dal Cremlino, è giuridicamente nullo e non avrà alcuna conseguenza giuridica per l’integrità territoriale dell’Ucraina. Gli organizzatori di questa farsa criminale hanno violato la Costituzione e le leggi ucraine”.

Inizialmente, il referendum doveva riguardare il rango della lingua russa e la proposta di riforma in senso federale dell Ucraina, promossa con forza da Mosca. Come successo in Crimea a marzo, gli organizzatori del voto hanno poi optato per il quesito secco sull’autodeterminazione. Il Cremlino non si è ancora espresso sul riconoscimento del voto, contro il quale si sono, invece, schierati Usa ed Europa.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *