Socialize

Gaza: campagna israeliana ha provocato distruzioni “senza precedenti”

    di  .  Scritto  il  4 Settembre 2014  alle  7:00.

Foto tratta dal sito di UNRWA

Foto tratta dal sito di UNRWA

L’ultimo conflitto in ordine di tempo che ha coinvolto la Striscia di Gaza ha provocato una distruzione “senza precedenti”, lasciando centinaia di migliaia di persone senza un tetto.

Lo ha detto un portavoce delle Nazioni Unite, Stephane Dujarric, la quale, parlando dal Palazzo di Vetro, ha precisato che grazie alla tregua in corso dal 27 agosto il personale dell’Ufficio di Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) dell’ONU è stato in grado di effettuare una “verifica approfondita dei danni”.

Secondo i primi sopralluoghi circa il 13% di tutti gli edifici della Striscia di Gaza hanno subito danni strutturali dal conflitto.

“Le organizzazioni sul terreno definiscono senza precedenti il livello di distruzione provocato da questo ultimo conflitto. Circa 18.000 unità abitative sono state o distrutte o gravemente danneggiate, lasciando 108.000 persone senza tetto” ha precisato la Dujarric.

Oltre 55.000 persone rimaste senza casa per il conflitto sono ancora accomodate in 36 scuole gestite dall’agenzia ONU per i rifugiati palestinesi, United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees (UNRWA).

“Trovare soluzioni abitative temporanee per queste persone sarà una delle maggiori sfide che attendono le autorità locali e la comunità umanitaria nel prossimo futuro” ha aggiunto.

La situazione a Gaza è ancora di piena emergenza, l’elettricità viene erogata per circa 6 ore al giorno e solo il 10% della popolazione riceve l’acqua quotidianamente.

Oltre 2000 palestinesi, in prevalenza civili, tra cui molti bambini, sono stati uccisi e oltre 10.000 feriti da quando l’8 luglio Israele ha lanciato un’operazione militare in risposta al lancio di razzi contro Israele dalla Striscia di Gaza. Dal lato israeliano le perdite ammontano a cinque civili e 64 soldati uccisi.

Per approfondire:

L’ultimo rapporto sulla situazione a Gaza redatto dall’UNRWA (in inglese)

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *