Socialize

El Salvador: ex presidente in carcere per corruzione

    di  .  Scritto  il  22 Settembre 2014  alle  6:00.

L’ex-presidente di El Salvador, Francisco Flores, è da questo fine settimana sotto la custodia della polizia, dopo che un tribunale di San Salvador ha revocato gli arresti domiciliari in seguito alle gravi accuse di corruzione che pesano nei suoi confronti.salvadorflores

Lo riferiscono i media locali, precisando che il tribunale ha disposto il carcere per Flores dopo che gli arresti domiciliari avevano sollevato un’ondata di indignazione popolare, provocando quotidiane manifestazioni di protesta di cittadini davanti all’abitazione dell’ex-capo di Stato.

Flores, appartenente al partito conservatore Arena e al governo dal 1999 al 2004, è accusato di corruzione e appropriazione indebita riguardo a 15 milioni di dollari in aiuti dati da Taiwan al Salvador.

Dopo quattro mesi di latitanza, e dopo aver ripetutamente tentato di lasciare il paese, Flores si è consegnato alle autorità due settimane fa.

L’ex-capo di Stato respinge ogni accusa e sostiene di aver chiesto aiuti a Taiwan in tre occasioni: la prima nel 2001 per finanziare gli sforzi di ricostruzione dopo due gravi terremoti che provocarono la morte di quasi 1500 persone, la seconda per combattere il narcotraffico e la terza per combattere le bande armate giovanili note anche come ‘maras’.

Oltre alla Procura, anche il Parlamento salvadoregno ha aperto un’inchiesta sul compartamento di Flores.

Non è la prima volta che Taiwan si trova coinvolta in scandali per corruzione in El Salvador. Lo scorso Marzo anche il presidente Portillo ha patteggiato di fronte  auna corte di New York le accuse di aver preso “mazzette” da Taiwan. In cambio, ha spiegato Portillo, El Salvador avrebbe dovuto continuare a riconoscere diplomaticamente Taiwan per tutto il suo mandato.

Guatemala ed El Salvador sono tra i pochi paesi al mondo che hanno relazioni diplomatiche con Taiwan, che la Cina considera una propria provincia ribelle.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *