Socialize

Ucraina: appelli al dialogo, ma sul campo si continua a combattere

    di  .  Scritto  il  26 Gennaio 2015  alle  6:00.

Dialogo politico per superare la crisi: sia Russia che Ucraina ieri hanno ribadito che la strada per arrivare a una pace nell’est dell’Ucraina deve passare dall’iniziativa politica ma sono parole che contrastano con una situazione sul campo diversa. Separatisti filorussi e truppe regolari ucraine continuano a combattersi e negli ultimi giorni, sono stati i ribelli a farsi sentire di più attaccando prima l’aeroporto di Donetsk e bombardando poi la città costiera di Mariupol.ucrainaluhansk

Mariupol è considerata strategica perché di fatto separa la zona controllata dai ribelli dalla Crimea, la penisola annessa dalla Russia all’inizio dell’anno.

Mentre ciascuno dei due contendenti accusa l’altro di portare avanti operazioni militari, ieri è stato il presidente ucraino Petro Poroshenko a ribadire l’adesione ai principi espressi lo scorso settembre a Misk quando separatisti e governo firmarono un accordo di cessate-il-fuoco.

Secondo le stime correnti più di 5000 persone sono state uccise dall’inizio degli scontri e almeno un milione sono gli sfollati. Kiev, sostenuta dall’Occidente, accusa Mosca di sostenere e armare i ribelli. La Russia ha negato di armare direttamente i ribelli, pur ammettendo che volontari russi sono attivi nell’est dell’Ucraina e ha accusato Kiev di fomentare le violenze.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *