Socialize

Mozambico: ucciso un costituzionalista vicino all’opposizione

    di  .  Scritto  il  4 Marzo 2015  alle  9:19.

Gilles Cistac, noto costituzionalista mozambicano di origine francese è stato ucciso ieri nella capitale Maputo da ignoti. Indagini sono in corso per individuare i responsabili della morte dell’accademico, che insegnava all’università Eduardo Mondlane ed era stato consigliere di vari ministri. Sembra tuttavia che negli ultimi tempi si fosse avvicinato agli ex ribelli della Renamo (Resistencia nacional moçambicana).mozambicogillescistac

Secondo Orlando Modumane, portavoce della polizia mozambicana, Cistac stava andando al lavoro a bordo di un taxi, quando l’auto è stata affiancata da un’altra macchina con a bordo quattro persone (tre neri e un bianco) che hanno aperto il fuoco contro il professore. Cistac è morto durante l’intervento chirurgico cui è stato sottoposto in ospedale.

Il costituzionalista era diventato protagonista del dibattito politico mozambicano di recente, quando aveva definito costituzionalmente accettabili le richieste della Renamo di costituire regioni autonome nelle aree in cui aveva ottenuto la maggioranza dei voti nelle elezioni dello scorso ottobre. Secondo Canalmoz – testata tradizionalmente critica del governo – Cistac era stato per questo minacciato da uomini che si dicevano vicini al partito di governo Frelimo (Frente de libertaçao de Moçambique). Il professore aveva anche presentato denuncia, definendosi vittima di intolleranza politica, contro anonimi che lo avevano definito sul social network Facebook “una spia francese”.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *