Socialize

Nepal: a Kathmandu si scava tra le macerie, il governo chiede aiuto

    di  .  Scritto  il  27 Aprile 2015  alle  0:01.

Stanno proseguendo senza sosta in Nepal i soccorsi per tentare di salvare vite umane dopo il terremoto che nel fine settimana ha colpito la capitale Kathmandu e la zona centrale del paese. Le scosse si sono sentite anche sull’Everest con valanghe che hanno causato la morte di almeno 17 persone. In totale i morti sono circa 2500 ma il bilancio resta provvisorio.nepalterremoto

Dall’estero stanno intanto arrivando missioni di soccorso; tra queste c’è anche una missione italiana.

Il sisma principale è stato registrato sabato con epicentro in un’area situata la Kathmandu e la città di Pokhara e una magnitudo di 7,8. Altre scosse avvertite successivamente hanno spinto migliaia di abitanti di Kathamandu ad abbandonare le proprie abitazioni. Anche le persone ricoverate negli ospedali sono stati accompagnati in alcuni casi fuori.

“Abbiamo lanciato una massiccia operazione di soccorso e c’è ancora tanto da fare” ha detto i televisione il ministro dell’Informazione Minendra Rijal. “Il nostro paese è in un momento di crisi, avremo bisogno di supporto e aiuto” ha aggiunto.

La Croce Rossa internazionale ha espresso timori sulla sorte di piccoli villaggi situati in prossimità dell’epicentro ma attualmente lontani dalle attenzioni principali. Un ulteriore problema è determinato dal cattivo funzionamento di linee telefoniche e internet.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *