Socialize

Per la prima volta l’Africa al Tour de France

    di  .  Scritto  il  16 Luglio 2015  alle  6:00.

E’ forse la vera attrazione del Tour de France 2015:  una squadra africana, l’MTN-Qhubeka, del Sudafrica partecipa per la prima volta alla storica gara ciclistica.SudafricaMTN-Qhubeka

Composta da cinque atleti – tre sudafricani e due eritrei – la squadra ha già vinto la maglia a pois, riservata allo scalatore più forte, indossata dall’eritreo Daniel Teklehaimanot, 26 anni, l’uno dei due ciclisti finora presenti tra i primi 50 classificati.

L’obiettivo di Qhubeka – che significa ‘andare avanti’ in lingua zulu – è di dimostrare che esiste una cultura del ciclismo in Africa e di far cambiare le mentalità. “Il ciclismo non è solo uno sport europeo ma uno sport mondiale” ha detto Doug Ryder, il leader della formazione, che sogna un africano sul podio del Tour entro i prossimi cinque anni.

Della selezione per il Giro di Francia fanno parte Merhawi Kudus e Daniel Teklehaimanot, i due eritrei, e Louis Meintjes, Jacques e Reinardt Janse van Rensburg, i tre sudafricani. I due sostituti sono l’algerino Youcef Reguigui e l’eritreo Natnael Berhane.

Qhubeka è una squadra consolidata, protagonista delle grandi gare africane come l’UCI Africa Tour. Entrata nel 2013 nella sezione Continental Pro dell’Unione Ciclista internazionale (UCI), ha partecipato lo scorso anno al Giro di Spagna e nel 2013 alla Milano-San Remo. Ma Qhubekaè anche un progetto umanitario del World Bicycle Relief, un’Ong che opera nei settori dell’istruzione, della sanità e dello sviluppo economico, promuovendo l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto. Il Tour de France dovrebbe essere una vetrina di prestigio per raccogliere fondi per la campagna Bicycles Change Lives che mira a fornire ai bambini biciclette per recarsi a scuola in Sudafrica.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *