Socialize

America Latina: corruzione, Transparency International indagherà a tutto campo

    di  .  Scritto  il  21 Agosto 2015  alle  6:00.

Il Brasile soffre gli scandali per corruzione che hanno devastato il suo colosso petrolifero, Petrobras, ma gli altri paesi della regione non potranno dormire sonni tranquilli. L’organizzazione anti-corruzione Transparency International (TI) ha annunciato che si metterà al lavoro per verificare possibili “repliche” dello scandalo Petrobras anche in altri sette paesi latini: Argentina, Cile, Guatemala, Panamá, Perú, Repubblica Dominicana e Venezuela; tutti paesi che hanno firmato la Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione.spagnacorruzione

L’inchiesta brasiliana, stando a TI; ha “evidenziato” collusioni fra le grandi società di costruzione e il potere politico. Troppo facile pensare che non si tratti di un caso esclusivamente brasiliano. TI porta come esempio il caso del Venezuela segnalando che quattro delle aziende indagate in Brasile avrebbero ottenuto almeno una trentina di contratti governativi negli ultimi anni; quanto basta per ipotizzare una “contabilità opaca” e una possibile “ingerenza politica”.

Le sezioni nazionali dell’organizzazione non governativa, fondata a Berlino e con sede nella capitale tedesca e in Argentina, Cile, Guatemala, Panamá, Perú, Repubblica Dominicana e Venezuela hanno richiesto informazioni ai rispettivi governi ospiti riguardo a contratti assegnati a queste società. TI ha sottolineato che lo scandalo attorno alla Petrobras ha sconvolto l’intera regione, sia per le somme in gioco che per le conseguenze che stanno ricadendo su un’ormai screditata classe politica brasiliana.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *