Socialize

Siria: dopo morte di al-Balous, drusi ancora con il governo

    di  .  Scritto  il  16 Settembre 2015  alle  6:00.

Difficilmente i drusi siriani si solleveranno contro il governo, nonostante il recente assassinio di Wahid al-Balous, un eminente sceicco druso che a Sweida – città del sud che ospita la più grande comunità drusa in Siria – aveva creato una sua milizia personale forte di non più di mille uomini e aveva criticato apertamente il governo di Bashar al-Assad.siriabalous

L’attentato costato la vita a Balous e altre persone a lui vicine, è stato attribuito al fronte al-Nusra, ma è opinione comune tra i drusi che sia stato in realtà commissionato da Damasco. Qualunque sia la verità, i drusi secondo molti osservatori continueranno a parteggiare per il governo perché non vedono alternatiove credibili nell’opposizione di cui hanno anzi paura.

Il messaggio portato da Balous era d’altra parte di opposizione ad alcune istanze del governo, in particolare contro la possibilità che giovani drusi combattessero lontani dalla provincia di Sweida.

Secondo stime correnti sono circa 8000 i combattenti drusi attualmente impegnati in milizie filogovernative e la situazione non dovrebbe cambiare sebbene in questi giorni a Sweida si respiri una calma tesa.

Dal Libano è stato però un altro druso, Walid Jumblatt, a tentare di inserirsi nella vicenda invitando i suoi correligionari a sollevarsi contro il governo. Messaggio fatto proprio anche da parti dell’opposizione siriana. Ma che a Sweida difficilmente sembra potranno mettere piede.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *