Socialize

La Gran Bretagna torna al nucleare anche grazie ai capitali cinesi

    di  .  Scritto  il  21 Ottobre 2015  alle  7:29.

La Cina, a meno di improbabili colpi di scena dell’ultimo momento, contribuirà alla costruzione e al finanziamento della nuova centrale nucleare inglese che sarà realizzata a HInkley Point, nel Somerset, e che comincerà a funzionare nel 2025.Xi-JinpingCameron

E’ questo uno dei frutti del viaggio che il presidente cinese Xi Jinping sta compiendo in GRan Bretagna dove ha incontrato la famiglia reale e il primo ministro David Cameron.

La Cina coprirà il 30% dei costi dell’impianto che sarà realizzato dalla società francese Edf insieme a un consorzio guidato dalla compagnia statale cinese Cgn.  

L’accordo potrebbe essere ampliato ad altre due centrali nucleari in programma a Sizewall, nel Suffolk, e a Bradwell, nell’Essex.

L’accordo per Hinkley Point era stato raggiunto il mese scorso dal cancelliere George Osborne nel corso di una visita a Pechino e sarà il più grande investimento mai fatto nel Regno Unito.

Secondo il governo il progetto contribuirà a creare 25.000 posti di lavoro e la centrale, una volta completata, fornirà energia a sei milioni di abitazioni. I critici hanno puntato il dito sul costo dell’operazione che costringerà a vendere energia a un prezzo doppio rispetto all’attuale con effetti immediati sulle bollette; non sono mancate critiche per il coinvolgimento della Cina in un’opera sensibile in termini di sicurezza.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *