Socialize

Libia: il governo di unità nazionale inciampa sulla questione Haftar e non parte

    di  .  Scritto  il  28 Gennaio 2016  alle  6:00.

Ci sarebbe la posizione del generale Khalifa Haftar e il rischio che possa essere compromessa dietro la decisione del parlamento di Tobruk (uno dei due che si contende la legittima rappresentanza del popolo libico) di non dare la fiducia al governo di unità nazionale del primo ministro designato Faiez Serraj. Il governo di unità è diretta conseguenza degli accordi firmati a dicembre in Marocco e l’inviato dell’Onu in Libia, Martin Kobler, ha detto che i colloqui continueranno perché alla fine si giunga a una soluzione.libiakoblerhaftar

Più aperto nei confronti del governo di unità nazionale sembra in questa fase il parlamento di Tripoli che ha comunque respinto gli emendamenti proposti da Tobruk.

Secondo diversi osservatori la formazione del governo di unità nazionale oltre a rappresentare un passo avanti nella complessa e caotica trama libica, potrebbe aprire le porte a un possibile intervento militare internazionale benché le Nazioni Unite abbiano smentito la possibilità di un invio di caschi blu.

Il parlamento di Tobruk – che rispetto a quello di Tripoli gode sulla carta di un più ampio consenso internazionale – ha proposto degli emendamenti agli accordi siglati in Marocco che però l’Onu ha già detto non possono essere accolti. Lo stesso Kobler ha chiarito che in questa fase non si possono proporre cambiamenti a quanto sottoscritto.

Colloqui sono nel frattempo in corso con le fazioni armate di Tripoli perché consentano al governo di avere una sede sicura nella capitale. Della questione si sta occupando in particolare il generale italiano Paolo Serra, consigliere militare dell’inviato Onu.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *