Socialize

Siria: i curdi avanzano, l’Isis rischia di perdere il corridoio verso la Turchia

    di  .  Scritto  il  1 Aprile 2016  alle  6:00.

Le forze curde si preparano ad attaccare l’Isis per prendere il controllo del corridoio che in questo momento collega Raqqa, in Siria, alla frontiera con la Turchia. A sostenerlo è stato ieri a Parigi il capo del Partito dell’Unione democratica (Pyd), Saleh Muslim.siriacurdi

I curdi sono finora rimasti fuori dai colloqui di pace avviati con fatica a Ginevra soprattutto per l’ostilità della Turchia che considera il Pyd un’emanazione dei separatisti del Pkk.

La manovra annunciata da Muslim, se riuscisse, porterebbe a riunire sotto un’unica entità le tre regioni curde del nord della Siria: Afrine, Kobane e Jazire. Subito dopo i curdi tenterebbero al presa di Raqqa, la capitale del Califfato dell’Isis. Già da un mese le forze curde sono riuscite a tagliare il collegamento tra Raqqa e Mosul, la città irachena sotto controllo jihadista, grazie alla conquista di Shadadi.

L’Isis sta ripiegando sotto la pressione dei raid aerei e della controffensiva di terra delle forze governative. La scorsa settimana i jihadisti hanno dovuto abbandonare Palmira.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *