Socialize

Stato d’emergenza in Etiopia dopo le proteste Oromo e Amhara

    di  .  Scritto  il  10 Ottobre 2016  alle  10:38.

E’ scattato nel fine settimana lo stato d’emergenza in Etiopia. La decisione è stata convalidata dal Consiglio dei ministri e il provvedimento resterà in vigore per sei mesi.  Il primo ministro  Hailemariam Desalegn ha sostenuto che lo stato d’emergenza è cruciale per bloccare l’attuale fase di instabilità e violenze nel Paese.EtiopiaProteste

Da mesi ad Addis Abeba e nelle regioni Amhara e Oromo, si stanno svolgendo manifestazioni antigovernative. L’opposizione accusa il governo di non voler avviare un processo democratico e di non fare abbastanza per una crescita condivisa dell’Etiopia; le forze di polizia sono poi accusate di aver usato in maniera indiscriminata la forza per disperdere i manifestanti causando in questo modo un numero imprecisato di morti (centinaia).  

Il governo ha accusato da parte sua i manifestanti di aver causato i morti e di aver distrutto o danneggiato proprietà e attività imprenditoriali. Lo stato d’emergenza consentirà alle forze di sicurezza di stringere ulteriore controllo sul Paese.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *