Socialize

Svizzera: a scuola di nuoto tutti insieme, al di là delle religioni

    di  .  Scritto  il  11 Gennaio 2017  alle  6:00.

Maschi e femmine non fa differenza: dovranno tutti frequentare insieme le lezioni di nuoto previste dal curriculum scolastico svizzero. La Corte europea per i diritti umani ha dato ragione alla Svizzera in merito a una vicenda che era stata portata in tribunale da una coppia di cittadini svizzeri di origine turca e religione musulmana che rifiutava di inviare le proprie figlie alle lezioni obbligatorie di nuoto nella città di Basilea.burkini

La Corte, nella sua sentenza, ha dato ragione alle autorità sostenendo che l’obbligo previsto dalla scuola costituisce una strada di integrazione di successo a livello sociale.

Secondo i canoni svizzeri, l’esenzione all’obbligo è previsto solo dopo il raggiungimento della pubertà; la coppia di genitori, per questo caso che risale al 2010, dovrà ora pagare una sanzione di 1400 franchi svizzeri.

Portando il caso all’attenzione dei giudici, i due genitori avevano sostenuto che l’obbligo previsto dall’ordinamento svizzero andava contro l’articolo 9 della Convenzione europea sui diritti umani che copre la libertà di pensiero, coscienza e religione.  

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *