Socialize

Vertice a tre in Russia sul futuro della Siria, Putin a confronto con Iran e Turchia

    di  .  Scritto  il  14 Febbraio 2019  alle  9:25.

Mentre gli Stati Uniti annunciano il ritiro dalla Siria e l’Europa resta di fatto alla finestra, sono ancora una volta Russia, Iran e Turchia a tessere le fila diplomatiche su un futuro assetto della regione. I capi di Stato dei tre Paesi – il russo Vladimir Putin, l’iraniano Hassan Rouhani, il turco Recep Tayyip Erdogan – si incontrano oggi a Sochi, nel sud della Russia, per parlare della Siria.

A sostegno di fazioni tra loro contrapposte – da una parte Russia e Iran alleate del governo di Damasco, dall’altra parte la Turchia – i tre Paesi sono al loro quarto vertice dal novembre del 2017.

Il processo di Astana, avviato da Mosca con Iran e Turchia, ha oscurato anche i negoziati sponsorizzati dall’Onu, senza raggiungere una soluzione definitiva del conflitto. Secondo il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, il vertice tra i presidenti di questi tre Paesi dovrebbe essere dedicato alla formazione di un comitato per redigere una nuova costituzione per la Siria per una transizione politica.

Il vertice si svolge in momento in cui le forze curde sostenute da Washington stanno portando avanti un’offensiva contro l’ultimo caposaldo dell’Isis in Siria, nella provincia di Deir Ezzor.

→  Stampa articolo (o crea PDF)
→  Condividi o invia per e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *